Il mondo di Fabulous

10418937_10152993878889532_475972509564514512_n

FABULOUS è un nome che ricorda mondi antichi,tempi in cui la tecnologia non era conosciuta e si credeva negli incantesimi. Vero? E’ un nome che evoca le favole, l’immaginazione, l’attesa e la scoperta di qualcosa di invisibile o segreto. Alcuni lo scambiano per latino! Altri ancora lo pronunciano come fosse una formula magica: “Fabulosus!!!”

E’, in realtà, un termine contemporaneo anglosassone che vuol dire “meraviglioso”.

L’ho scelto, con quella cura che si riserva ai nomi di battesimo, perchè credo che la meraviglia sia, insieme all’immaginazione, la capacità della ragione di aprirsi ad un’esperienza più vasta. La meraviglia e l’immaginazione sono strumenti della mente e, per quanto sorprendenti, possono diventare affidabili, proprio perchè sono frutto di esperienze autentiche, più elevate del semplice interesse e più ricche di soddisfazioni.

Contemplare un paesaggio, respirare l’odore di freddo che ha l’aria al mattino, sentirsi amati, ascoltare le fiabe e giocare (con poco o anche nulla)  sono alcune di quelle esperienze che possono nutrire l’intelligenza  affamata ed appassionata dei bambini e di tutti noi.

Fabulous è uno strumento (un punto di vista, uno sguardo)  per giocare, sperimentare, progettare, esplorare, ascoltare e ricordare tutte le cose che fanno parte della natura e dell’universo e dell’umanità tutta.

L’augurio è che, terminate queste meravigliose esplorazioni sul mondo, si possa tornare a guardare la realtà con occhi diversi, capaci di sorprendere, nel quotidiano, una profondità altrimenti invisibile. Questo è il mondo di Fabulous.

"Taluni sperano che quando si riuscirà a suscitare nei bambini questo sentimento di amore per tutti gli argomenti di studio, gli uomini diventeranno più umani e la brutalità della guerra avrà fine. Ma l'amore per la scienza e per l'arte, e per tutto quello che l'umanità ha creato non basterà a far nascere un amore reciproco fra gli uomini. Amare un bel tramonto o osservare con meraviglia un piccolo insetto non risveglia necessariamente un affetto più grande verso l'umanità, nè l'amore per l'arte fa nascere in un uomo l'amore per il prossimo. Quello che è soprattutto necessario è che fin dai primi anni l'individuo venga messo in rapporto con l'umanità. Oggi nei nostri cuori non vi è amore per gli esseri umani nonostante che da essi abbiamo ricevuto e continuiamo a ricevere tanto, sotto forma di cibo e di vestiario e di tante invenzioni di cui beneficiamo. Prendiamo e godiamo tutto ciò che viene fatto per noi senza gratitudine, come atei che neghino a Dio gratitudine e amore. Forse insegniamo al bambino a ringraziare Dio e a pregarlo, ma non gli insegniamo a ringraziare l'umanità, l'agente più importante nella creazione di Dio; non rivolgiamo mai il nostro pensiero  agli uomini e alle donne che danno ogni giorno la loro vita per arricchire la nostra." 
Maria Montessori

 

Annunci